Archivio news 18/05/2018

Quarti Coppa Studi Legali

Orrick: il dischetto è ancora amico - Gop, che botta ai campioni!

QUARTI DI FINALE:

Si parte con Orrick-Legislab, partita rovente al Mestalla della Masseroni. Le squadre presentano due fra gli attaccanti più interessanti: Seregni e Casadei. Entrambi colpiscono con una tripletta d'azzardo. Sembrano Davide contro Golia. Uno rapido e svelto, l'altro attaccante di razza dalla stazza importante. E' pero' Meliadò l'ago della bilancia di Orrick: gioca una partita di impegno e sapienza distribuendo palloni, andando a difendere e attaccare. Il ritorno di Gallovich, la vigoria di Giuffrida e il bel gol di Comiotto portano Legislab ai rigori dove tutti i verdi si esaltano senza sbagliare un solo centro. Il verde è il colore della speranza e Orrick può accarezzare il sogno della finale: finisce 10-9 d.c.r.
Alle 22 una determinata Baker ha la meglio su una spenta Ordine Avvocati. Tutta la difesa di Ordine - da Staiano a Cilione, da Mirabella a Conte - è da subito in difficoltà di fronte alla velocità supersonica dei gemelli del gol Sutto e Terraneo. Solo Orto riesce per un attimo a raggiungere il momentaneo pareggio, ma nel secondo tempo la tecnica sopraffina del duo d'attacco, la furbizia del tandem Cigno-Coppola e il gol di Ducci impreziosiscono la stupenda prova di Baker seppur sempre priva del proprio leader Fornari. Al termine dei cinquanta minuti il risultato è di 4 a 1.
Nella serata di giovedì è grande sorpresa al cintato della Nuova Masseroni. I campioni iniziano con un "infortunio" sul tiro non certo irresistibile di Selogna, ma poi reagiscono come da consuetudine con Sciortino e il Dio Denaro, tornato a calpestare il suolo nazionale dopo le grandi avventure spagnole. Batani acciuffa il pareggio; Rossi leader di difesa e Belleggia in porta impediscono a Bonelli di fare manbassa, ma Sciortino e Battiglia suonano la carica e pungono. I rossi si sentono già in semifinale quando ancora Batani e l'ex Gaboardi fanno i dispetti alla difesa di Pomarici. Batani segna il 5 a 4 a tre minuti dalla fine: quando allo scadere arriva anche l'errore dal dischetto di Sciortino si capisce che per Bonelli non è serata. Gop si scatena e festeggia una vittoria importante con spumante nelle piazze.
Alle 22 si gioca Gatti-Gatti.  "Lapadula" DeMaria colpisce con uno-due che fa tremare Gattai; i bianchi reagiscono solo grazie al solito capitan Marseglia. Bissaro a centrocampo, Licari in difesa e Pisani in porta rendono impermeabile Gatti Pavesi Bianchi, ma Ceccherini prova a infondere coraggio e colpisce con Cerulli. E’ Semprini, con un contropiede perfetto, a portare in vantaggio Gatti. La triade Topi-Vincenzi-Limongelli gongola ma servirebbe di più in campo. L'assedio di Gattai ha il suo culmine con il rigore di Marseglia e soprattutto con il gol-beffa dell'ex Legrottaglie che, alla terza occasione, decide di non fallire e non perdonare la sua ex squadra. Al triplice fischio finale è 4 a 3.